19 novembre, 2018

La prima regola di marketing? Le buone maniere.

bon ton

Quella in cui viviamo è una società complessa, sia nella vita privata che in quella professionale dobbiamo gestire innumerevoli relazioni sociali. Tutt’altro che semplice!

Rapportarsi con gli altri usando la cortesia è da tener sempre ben presente, consente di rendere piacevole ogni relazione, di lavorare meglio e soprattutto di vivere meglio.
Le buone maniere sono un investimento a basso costo e praticabile facilmente, ma sembra non essere così per molti.
Il vocabolo “bon ton” può sembrare polveroso e desueto, appartenente a tempi passati ed invece è più che mai attuale. Chi lo applica oggi ha nelle proprie mani una sicura ascensione verso il successo e parte sicuramente avvantaggiato.
Come ci raccontiamo agli altri? Sia nella vita privata che sul lavoro lo facciamo con i nostri gesti, le nostre parole, i sorrisi ed anche i nostri silenzi.
“Non esiste una seconda occasione per fare una prima buona impressione”, quindi non scordate mai l’importanza della prima impressione. Il primo approccio è come una indelebile fotografia che sarà il nostro specchio per molto tempo.
Attenzione allora all’aspetto visivo, dato da come ci presentiamo e dalla nostra gestualità che influisce per il 55%, a quello vocale, dato dal tono della voce e dalla chiarezza nell’esprimersi ed infine a quello verbale, ovvero ciò che viene detto, che influisce solo per il 10%.
E’ questo il campo della business etiquette, in cui ci si focalizza sulle relazioni umane in ambito professionale, attraverso la quale si mira a mettere in atto una formula di accoglienza, in grado di considerare la vendita come un’esperienza di relazione che coinvolge le emozioni, da chi produce e vende un prodotto a chi lo acquista.
Bisogna abituarsi ad offrire un servizio di alta qualità, che vada al di là delle buone maniere, utilizzando un atteggiamento rispettoso, amichevole, ma sempre professionale.
La business etiquette potrebbe essere definita come l’arte dell’attenzione, che parte dal saluto per giungere via via ai messaggi del corpo, dati dalla postura, dal sorriso, agli atteggiamenti come la propensione ad ascoltare e comprendere, per arrivare ad emozionare.
Insomma: dovremmo imparare ad usare nelle relazioni maggiormente il cuore … e non ultimo il buon senso.
Concedete un ultimo suggerimento: ricordate sempre il nome del vostro interlocutore.
Il suono del proprio nome è il più dolce ed il più importante e ben predispone al colloquio.

Mai dimenticare quindi le buone maniere negli incontri di lavoro.

Anna Ubaldeschi
Anna Ubaldeschi
Anna Ubaldeschi | Etiquette Coach
Sagittario, amante del mare, del sole e delle temperature elevate.
Adoro favole, leggende e tradizioni.
Sincera all’inverosimile, vivo in mezzo ad un bosco essendo amante della natura pur essendo nata e cresciuta in una grande metropoli come Milano.
Dopo aver insegnato per tanti anni, mi dedico a rendere reali i sogni altrui, progettando e coordinando giorni indimenticabili come nozze, battesimi ed ogni evento che si desideri festeggiare.
Vera passione per l’arte del galateo ed il bon ton, fissazione per l’apparecchiatura della tavola e delle buone maniere.
Attualmente mi occupo di corsi di formazione e workshop tematici sul galateo, collaboro come contributor su tematiche legate al galateo del matrimoni e al bon ton in generale su alcuni portali e blog oltre a curare il mio blog “ Tacco 12 … ballerine”.
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone