25 aprile, 2018

Intervista a Cesare Moriggia, Presidente Avis Arona

Cesare-Moriggia

CB_Da quanti anni sei donatore Avis?
CM_Sono donatore dal 1995, mi sono iscritto presso il consueto stand Avis presso la Fiera del Lago Maggiore, ora sono giunto alla 50° donazione, spero di poter raddoppiare prima del limite di età previsto.

CB_Perché hai cominciato a donare?
CM_Ho cominciato, vincendo la paura che avevo dell’ago, per poter fare qualcosa di utile per gli altri, con la spinta di mia moglie (ai tempi non ancora) che era già donatrice presso la sezione di Lesa.

CB_Da marzo di quest’anno hai preso il posto dello storico presidente Mario Brovelli: un bilancio di questi primi 9 mesi di presidenza?
CM_I primi 9 mesi sono stati, come avevo preventivato, all’insegna della continuità con il passato, pur tra mille difficoltà dovute ai tanti impegni che la “carica” impone ma che riesco a rispettare grazie al grande aiuto dei 2 vice presidenti Brovelli e Del Re e di tutto l’esecutivo.

CB_Progetti per far crescere sempre più la sezione di Arona?
CM_I progetti, scontati, non possono essere altro che quelli di cercare di mantenere ed aumentare il numero di donazioni annue e iscrivere sempre più giovani all’Avis, garantendo la continuità e mantenendo un gruppo giovani sempre al top come ormai tradizione. Inoltre auspico di riuscire entro la fine del mandato a organizzare meglio le giornate di prelievo organizzando la donazione su appuntamento, come ormai consuetudine in moltissime altre sezioni, per far perdere minor tempo al donatore e garantendo un flusso costante e prevedibile di persone in ogni giornata di prelievo. Ciò comporterà un notevole impegno di segreteria per riorganizzare i metodi di lavoro ma sono convinto che i risultati saranno soddisfacenti per tutti.

Camilla
Camilla
Camilla Botteselle
CondiviShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone