11 novembre, 2019

Centro diurno tirato a lucido grazie ad Akzo Nobel

dipingere-le-pareti-di-casa_O2

Giovedì 12 febbraio alle 11.30 al Centro Diurno Socio Assistenziale Brum di Arona si terrà la presentazione del progetto “Let’s Colour IN Arona” ideato dal Comune di Arona in sinergia con AkzoNobel.
Durante la giornata, infatti, verrà ridipinto il piano seminterrato adibito a palestra/laboratorio, iniziativa in cui saranno coinvolti anche gli utenti ospiti della struttura, lavoro che completerà la tinteggiatura del Centro già avvenuta per il piano superiore.
Il progetto, che si realizzerà nell’arco temporale di tre giorni, prevede anche la visita guidata dei ragazzi del Centro Brum ai reparti di produzione e ricerca del polo produttivo di AknoNobel-Sikkens a Castelletto Ticino, il 10 febbraio e sarà “un’esperienza nel mondo del colore“, perché vedranno dal vivo come viene prodotto.

Il primo cittadino di Arona Alberto Gusmeroli: “Un progetto importante in sinergia fra un’azienda del territorio, leader nel settore, e il Comune. Ancor più straordinario il percorso di realizzazione che impegnerà direttamente sul campo dipendenti comunali, genitori, volontari e operatori a fianco dei tecnici di AkzoNobel”.

Marina Grassani, che collabora a fianco del sindaco per il Sociale aggiunge: “Un percorso lungo partito quattro anni fa dalla raccolta fondi con la vendita di biglietti natalizi per finanziare il progetto, alla realizzazione di Serendipity (evento di sensibilizzazione), al non facile iter con la sovrintendenza seguito dal geom. Moreno Del Prato dell’ufficio tecnico del Comune e dalla dr.ssa Grazia Soda, titolare del progetto. La scelta dei colori con cui si andranno a tinteggiare i diversi ambienti, tiene conto delle implicazioni psicologiche dimostrate scientificamente per le quali vi è un nesso fra il colore e la reazione del cervello ad esso nell’ambito in cui si vive/lavora. Il progetto tende quindi a creare un ambiente il più ideale possibile ai suo ospiti”.

 

Diletta Pirino
Diletta Pirino
“Masterchef della penna” (inteso come quella “da scrivere” ma pure quella “da mangiare”!)

I miei numeri:
- 34 anni
- 1 diploma in lingue
- 1 laurea in Linguaggi Dei Media
- 3 passioni esagerate (la cucina, la juve e la scrittura)
- 1 cervello sempre a caccia di novità
e..
- 1 bimbo meraviglioso

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone