24 maggio, 2019

Carlo Monti

montibig

Inizia a dipingere a vent’anni, dopo la maturità classica, esortato da amici pittori, tra i quali Gian Filippo Usellini, che visti i primi paesaggi, ne apprezza le istintive qualità. Si considera autodidatta, anche se ha frequentato a Milano la scuola di nudo all’ Accademia di Brera e lo studio di Usellini (che lo presenta nella sua prima personale del ’54, a Milano, alla Galleria Gussoni) al quale rimane successivamente legato da costante e costruttiva amicizia.

DSCN2972

Alla prima personale del ’54, Monti ottiene un notevole successo di critica (Borgese, Portalupi, Costantini, e molti altri) a cui segue nel ’54-’55 un’ulteriore affermazione alla Quadriennale Nazionale di Roma. Dopo una personale nel ’57 a Milano, la sua attività pittorica rimane, se non interrotta, perlomeno rallentata fino al ’59. Nel ’60-’61-’62 a Padova, Cortina, Venezia, Verona ed in Carnia si dedica, al paesaggio e alla stesura di ritratti. Nel decennio ’63-’73 la sua attività è intensa: numerose le personali e le collettive a cui è invitato, tra cui una personale in Francia, a Compiègne.

DSCN2848

Monti vive e lavora isolato, seguendo la propria vena interiore, rifuggendo da gruppi, da correnti e da scuole; la sua stessa presenza alle personali ed alle collettive avviene su richiesta ed invito dei galleristi stessi.

La sua forma espressiva più caratteristica è il paesaggio ambientato per lo più nella natura lombarda, (ma anche a Zermatt ed a Ischia, dove si reca per tre anni consecutivi con l’amico Usellini): mostra tonalità forti e calde, sempre vibranti di intensa commozione interiore che coglie la natura dal vero e la trasfigura, senza indugiare nel particolare.
È da segnalare un’altra tematica sviluppata in questi ultimi anni, gli interni con finestre: un rapporto tra le cose che vivono all’interno (di solito nello studio) e la luce che penetra, dall’esterno, attraverso la finestra; può essere la luce del primo mattino o l’incombenza del bleu della notte, che dà ai muri ed alle cose (fiori appassiti, oggetti polverosi, mobili) un aspetto particolare e intensamente vissuto.

DSCN2874

Monti si dedica attivamente al ritratto, richiestogli con frequenza sempre crescente; la figura femminile, i bambini, dei quali sa cogliere, nel gesto e nell’espressione, il lato più personale e fuggente.
La tecnica di esecuzione si differenzia molto, quando Monti dipinge paesaggi o quando esegue ritratti: nei primi dà libero sfogo al segno ed alla personale calligrafia, mentre nel ritratto, in genere, egli si dedica all’introspezione del soggetto da dipingere, dando luogo ad una stesura più rigorosa e ad una esibizione segnica meno evidente.

Iole S. Zanollo “Vita Veronese”
“… riveste di preferenza le sue creazioni di patine ardenti. Il colore acceso irrompe impetuoso come un torrente in piena, all’unisono con le emozioni di uno spirito alla ricerca inquieta di un appagamento pittorico non ancora colmato…”

 

L. Borghese “Corriere della Sera”

“…vedute dense, compatte, ricche di grandi e folti alberi, sotto cieli che trascolorano velocemente e vanno infocandosi e oscurandosi al tempo stesso. L’ora bella, l’ora dantesca e giorgionesca, l’ora più pittorica e più poetica…”

 

Itinerario Espositivo
1953: Mostra collettiva alla Galleria S. Fedele (Milano).
1954: Mostra personale alla Galleria Gussoni (Milano).
Partecipa alla Quadriennale Nazionale di Roma.
1957: Mostra personale alla Galleria Barbaroux (Milano).
1961: Mostra personale al Complesso Mantegna (Padova).
Vince un premio al concorso Valcuvia (Valcuvia).
1962: Mostra personale alla Galleria S. Luca (Verona).
Mostra personale al Campo Ippico (Lido di Venezia).
Mostra personale alla Galleria Gussoni (Milano).
Mostra personale a Compiègne (Francia).
1963: Mostra personale alla Galleria Isperia (Rho-Milano).
Mostra collettiva alla Galleria Ghelfi (Verona).
1964: Mostra personale al Salone dei Congressi (Busto Arsizio).
1965: Mostra personale all’Euratom (Ispra).
1966: Mostra personale alla Galleria Portichetto (Rho-Milano).
1968: Mostra personale alla Galleria Caruggio (Bergamo).
1971: Mostra collettiva alla Galleria La Tana (Albisola).
1972: Mostra personale alla Galleria Treves (Milano).
Mostra personale alla Galleria Sagittario (Gallarate).
Collettiva al Museo de l’ Art (St. Paulo-Brasile).
1974: Mostra personale alla Galleria Clio (Alessandria).
1975: Mostra personale alla Galleria S. Stefano (Novara).
Riceve il I Premio Valcuvia (Brezzo di Bedero).
1977: Mostra personale alla Galleria Marconidieci (Borgomanero).
1980: Mostra personale alla Galleria Patrizia (Montecatini Terme).
1982: Mostra personale alla Galleria S. Luca (Verona),
in concomitanza con l’Estate Teatrale Veronese.
1984: Mostra personale all’Accademia d’Arte (Montecatini Terme).
Mostra personale alla Galleria Terzian (New York).
Mostra personale alla Galleria P. Erbe (Verona).
1985: Mostra personale alla Galleria Platani (Montecatini Terme).
1986: Partecipa al concorso “La bella italiana” a Reggio Emilia.
1987: Riceve il Premio Nazionale Firenze organizzato dalle FF.SS.
1988: Mostra personale alla Galleria Treves (Milano).
Mostra personale Creer et vivre (Marsiglia).
Mostra personale al Club d’Art (Aix en Provence).
Mostra personale al Centro culturale San Giorgetto (Verona).
1993: 4a Mostra Mercato d’Arte Contemporanea (Padova).
1994: Mostra Mercato d’Arte Contemporanea “MIART” (Milano).
Mostra Mercato d’Arte Contemporanea “ARTE FIERA ’94″ (Bologna).
Personale (su invito) Sala Consiliare del Comune di Meina.
1995: Mostra personale alla Galleria Zanmarchi (Milano).
Mostra personale alla Fiera di Barcellona.
1996: Mostra personale (Francoforte – Germania).
1997: Mostra personale (Monaco – Germania).
1998: Mostra collettiva al Festival “Due Mondi” (Spoleto).
Mostra personale allo Studio Palazzi (Venezia).
2000: Mostra personale Galleria San Tomaso (Milano).
2002: Mostra personale Galleria San Tomaso (Milano).

Aronanet
Aronanet
Redazione Arona.net
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone