23 ottobre, 2017

Bufera politica sulla conferenza in piazza San Graziano

arco

Venerdì 21 luglio in piazza San Graziano, sotto la riproduzione dell’Arco di Palmira, si è tenuta la conferenza “Dalla Siria all’Italia“, nell’ambito delle iniziative di sostegno al sofferente popolo siriano, organizzate dall’Amministrazione comunale aronese.

Gli ospiti invitati però hanno fatto storcere il naso al Pd:

La serata è stata organizzata in collaborazione con un Centro Studi dedicato alla memoria di Giovanni Pompa e Francesco Rapellini, entrambi legati alla Repubblica Sociale Italiana.
Una prima testimonianza è stata affidata al dott. Jamal Abo Abas, presidente della Comunità siriana in Italia, mentre un’altra è stata resa da Alberto Palladino, qualificato come fotoreporter volontario dell’organizzazione Solidarité Identités.
Si è però omesso di precisare che Palladino è sostenitore dell’organizzazione di estrema destra Casa Pound Italia e che a fine 2011 è stato condannato in primo grado a 2 anni e 8 mesi di reclusione per aver picchiato con mazze e bastoni alcuni attivisti del PD che affiggevano manifesti.
Come mai l’Amministrazione di Arona ha ritenuto di dover organizzare una pubblica manifestazione in collaborazione con questi “volontari”, peraltro con il patrocinio del Comune?
Come mai si invita un condannato per lesioni a parlare di “pacificazione in aree di crisi”?”

Il Centro studi però rimanda le accuse al mittente:

L’evento è stato organizzato in collaborazione ed in piena trasparenza con l’amministrazione comunale aronese. L’obiettivo di questa offerta culturale è stato quello di portare la voce della Comunità siriana presente in Italia ai cittadini italiani. La conferenza è stata un evento aperto che ha riscosso un grande successo non solo per la città di Arona, ma anche al di fuori dei confini nazionali, come testimoniato dagli articoli apparsi sulle testate straniere; inoltre, teniamo a precisare, nessun riferimento politico a qualsiasi schieramento è emerso durante la serata, pertanto quanto espresso nel comunicato congiunto del Pd e dell’Anpi non trova alcun fondamento reale. L’agibilità degli eventi, ci risulta, non la concede né l’Anpi, né tantomeno il Pd, soprattutto se si parla di eventi culturali“.

Diletta Pirino
Diletta Pirino
“Masterchef della penna” (inteso come quella “da scrivere” ma pure quella “da mangiare”!)

I miei numeri:
- 30 anni
- 1 diploma in lingue
- 1 laurea in Linguaggi Dei Media
- 3 passioni esagerate (la cucina, la juve e la scrittura)
- 2 gambe e 2 braccia come quasi tutti
- 1 cervello sempre a caccia di novità
e..
- 1 piccolino appena nato

CondiviShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone