23 febbraio, 2018

Arona dedica piazza a Sergio Vieira De Mello

sergiovdemello-g-ap-20100819

Il Sindaco Alberto Gusmeroli e la sua Giunta hanno deliberato all’unanimità di procedere all’intitolazione della “Piazzetta dell’Orologio”, ubicata dietro la Torre dell’Orologio sul Lungolago Marconi, a Sergio Vieira de Mello (1948-2003).

Ma chi era De Mello? E perché intitolare la piazza a un NON aronese?

De Mello era un Alto Commissario ONU per i diritti Umani e morì tragicamente insieme a ventuno membri del suo staff il 19 agosto 2003 nell’attentato terroristico al Quartier Generale delle Nazioni Unite di Baghdad, dove operava nell’immediato dopoguerra in qualità di Rappresentante Speciale del Segretario Generale per l’Iraq.

La scelta di ricordare in modo definitivo un personaggio così illustre, impegnato nel corso della sua vita nelle più delicate operazioni di pace, è scaturita dalle frequentazioni newyorkesi intrattenute nel 2017 dal Sindaco Gusmeroli, insieme all’Assessore alla Cultura Chiara Autunno e alla Presidente del Consiglio Comunale Monia Mazza, in occasione di iniziative internazionali legate all’esposizione della ricostruzione dell’Arco di Palmira ad Arona.

In due eventi, tenutisi al Consolato Generale d’Italia e al Council on Foreign Relations, gli Amministratori Aronesi hanno avuto come interlocutore, tra gli altri, uno dei funzionari Onu di più lungo corso, l’italiano Andrea Angeli. E’ stato proprio quest’ultimo, durante una cerimonia legata all’Arco di Palmira svoltasi alle Nazioni Unite, a illustrare con grande partecipazione emotiva la figura di Vieira de Mello, al cui fianco è stato dal ’92 al 95, prima in Cambogia e poi nella Sarajevo assediata.

De Mello era legato all’Italia per aver frequentato le scuole a Roma.

La Sig.ra Mello, insieme a tutta la sua famiglia, molto colpita dalla decisione di attribuire il titolo onorifico alla “Piazzetta dell’Orologio” alla memoria del marito Sergio Vieira De Mello, ha preso contatti con il Sindaco del Comune di Arona Alberto Gusmeroli per esprimergli la sua profonda emozione per l’importante iniziativa. Ha assicurato la partecipazione sua e dei suoi figli alla cerimonia che avrà luogo nel mese di maggio 2018 alla presenza di rappresentanti della Fondazione a lui dedicata.

Diletta Pirino
Diletta Pirino
“Masterchef della penna” (inteso come quella “da scrivere” ma pure quella “da mangiare”!)

I miei numeri:
- 30 anni
- 1 diploma in lingue
- 1 laurea in Linguaggi Dei Media
- 3 passioni esagerate (la cucina, la juve e la scrittura)
- 2 gambe e 2 braccia come quasi tutti
- 1 cervello sempre a caccia di novità
e..
- 1 piccolino appena nato

CondiviShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone