24 maggio, 2019

Adriana Chiari

adrianachiari

 

” Rospi e rane con tante mele “ il rospo fa parte del gruppo di animali cari alle fattucchiere,in quanto sotto queste spoglie la diavolessa partecipa al sabba ,vestita con mantello verde e campanello. La mela è stato da sempre e in tutte le religioni considerato il frutto perfetto donato da dio all’uomo. Nella tradizione nordica gli dei mangian mele per conservare la bellezza; l’angelo della morte del mito arabo rimane incolume perchè ha la mela collocata vicino alla narice. La ranocchietta è un efficacissimo antidoto contro il malocchio. Gli Egizi la presero a simbolo della curiosità e della sfacciataggine. Cm. 90×90 acrilico + mele cartapesta + ranocchiette plastica

adriana_chiari3

 

..Breve Curriculum eccessivo
adriana_chiari4

” L’ Alsacienne “ lo sviluppo industriale del IIX secolo ha portato a innovazioni bellissime, che tuttavia spesso celano delle alterazioni grottesche, anche se apparentemente gradevoli, gradevoli, dell’equilibrio naturale. Esecuzione: assemblare il tutto e meditare un momento sugli effetti dell’inquinamento. Cm 85×120 pesce con piumaggio colorato e occhio umano +cartone pubblicitario inizio secolo scorso.

..

Nata a Milano, vive, lotta, crea e lavora tra Milano, Arona ed il Resto del Mondo. Nonostante sia schiava dell’Edonismo più sfrenato fin dalla più tenera età, si laurea dopo gli studi classici al ‘Parini già punto dalla zanzara’, in Medicina e Chirurgia apparentemente con il minimo degli sforzi e chiaramente con il massimo dei risultati. Questa tendenza ad attraversare agilmente i doveri della vita, nonostante l’aspirazione ad apprezzarne i piaceri, ne fa un’ottima atleta ma le costerà sempre molto cara: “E’ difficile essere presi sul serio se si ride di sé!!” constata molto precocemente l’artista.

adriana_chiari5

Infatti dopo aver intrapreso ed esercitando un mestiere tra i meno faticosi e comunque tra i più lucrosi dell’attuale società – medico dentista – scopre che lo sforzo è pur sempre eccessivo.

Ispirata dall’odore delizioso dell’olio di lino della cassetta dei colori del Nonno Pittore, si iscrive ad un corso di pittura della Scuola Civica di Milano, lasciandosi guidare per due anni negli studi di prospettiva, disegno e tecniche da validissimi maestri, con l’intento di intraprendere la professione di artista.

Si avvia così all’Arte con la presunzione di chi conosce il proprio valore, cominciando a mettere in mostra anche quella che sarà una costante e peculiare caratteristica: una incontrollabile bellicosità per coloro che osano esprimere critiche negative sulle sue opere. Dal 1994 espone ovunque possa esibire ad accertati estimatori la sua produzione artistica.

adriana_chiari6.

Soggetti, tecniche e materiali

” L’emergente “ appare all’inizio puro bianco incontaminato. Aspettiamo con ansia di vedere cosa gli accadrà….
Cm 50×60 DAS + idropittura

Frutto di una forte tensione emotiva, di una impellente necessità di espressione artistica e di approfonditi studi filosofic-zoologic-etologici, individua nei ‘Pesci di Lago’ i suoi primi soggetti. Amplia quindi le sue ricerche, le sue osservazioni e la produzione artistica a ‘Mucche angosciate’, ‘Maiali vanitosi’ e ‘Rane dubbiose’ senza disdegnare mele, oggetti, reperti di vita, modellini, e li dispone e propone passando dalle reti ai supporti, dalle tele alle bacheche, alle scatole-vetrina.

Mescola tecniche e materiali per liberare le idee e dare loro dimensioni e ridimensioni che le oggettivano nella realtà comune.

Gli animali e gli oggetti, la frutta la verdura e i modellini diventano paradossali ed ironiche metafore di caratteri e modi e comportamenti consentendo ad Adriana Chiari di ironizzare su personaggi, atteggiamenti, ruoli e situazioni, mettendoli tutti ‘in scatola’.

adriana_chiari7…..Pensieri e parole

” Feng shui “ ossia dell’arte di arredare la propria casa secondo l’applicazione delle bioenergie della terra, facendo attenzione che il controllo di un sano equilibrio mentale non sfugga di mano, anzi di … zampate. Cm 58x35x35 antica gabbia contenente pesci rossi, campanelli, budda, grani di vetro, balsamo di tigre.

“Mi piace realizzare i miei giochi di parole, con il pensiero compongo le mie creazioni ed inizia la ricerca dei materiali e degli oggetti per dare alle mie mani la soddisfazione di realizzare il paradosso’. ‘I miei sono giochino per bambini un po’ cresciuti, ma l’Arte è un gioco, IL GIOCO!’ ‘Mi intriga raccontare una micro-storia con piccoli oggetti, un romanzetto minimalista, una poesia ermetica, recuperare dalla memoria dei flash di infanzia per un quotidiano da adulti’.

adriana_chiari8..Fine

” La fine della vacca ”

fa parte di una serie esplicativa creata per un’amica vegetariana e un po’ vacca che a volte si lascia sfuggire il senso delle cose. Cm 70 x 60 acrilico + olio

MOSTRE COLLETTIVE, PERSONALI E PREMI

1994
Premio “Il Duomo incontra l’Arte” MILANO
1995
Pittori sul Naviglio Grande MILANO
Cavoli a merenda Gall. Spazio Arte MILANO Pesce fresco di giornata Arlati MILANO
100 Pittori in via Brera MILANO
Mostra Internazionale Premio Usellini ARONA
3° Festival Internazionale di Pittura Contemporanea SANREMO
1996
1° Collettiva Citta’ di VIMERCATE
Etruriarte VENTURINA
Aria Gall. D’Ars MILANO
Arte e Anima Fondazione Mazzucconi MILANO
Art Accord 2° Biennale Internazionale STOCCOLMA
Cocktail di Pesci Gall. Il Tempo Ritrovato MiLANO
1997
Collettiva Gall.Saporiti ARONA
Aria NEW YORK
Aria SAN FRANCISCO
Tempo di Vacanze Forte Crest MILANO
1998
Premio Arte G.Mondadori
Personale GraphicPoint ARONA
Tout Soins Azimut ANTIBES
Pesci in drogheria Drogheria Solferino MILANO
Pesci in libreria- MobLab- Salone del Mobile MILANO
1999 Nel segno del gioco Gall.Il Tempo Ritrovato MILANO
Concorso di Pittura Citta’ di CESENATICO
Wander I -Speciale Bici Forte Crest MILANO
Carne in scatola e Pesce fresco Gall. Anna Virando TORINO
2000 Premio Arte G.Mondadori
2000 Artemoda-Pratolivo ARONA
Modart- arte e gioielli ARONA
I racconti del colore Gall. Anna Virando TORINO
2000-2001 Giocando con l’arte – Nel segno del gioco
Forum delle Arti e dell’Industria OMEGNA
Il colore della terra Societa’ Umanitaria MILANO
L’imbuto Macef-Fiera di MILANO
Le Cirque NEW YORK
L’arte per la vita Palazzina Liberty MILANO
Duplex.Dall’identico al molteplice.
Biennale d’Arte Contemporanea
Belvedere Ostrense
“Ludificatio” Spazio Milarte MILANO
2002 “IPOCLORITO” Adriana Chiari e Franco Mazzucchelli
Acqua Chiostro dei Pesci Soc. Umanitaria MILANO
Il Colapasta Macef MILANO

CHI HA SCRITTO:

Adelinda Allegretti
Antonio d’Avossa
Camilla Moro Saporiti
Patrizia Raineri
Gianfranco Schialvino
Carmelo Strano
Cristina Trivellin


DOVE HANNO SCRITTO :

L’ARCA n.121 dicembre 1997
VIVIMILANO 9 giugno 1999
VIVIMILANO 12 giugno 1999
ARONAOGGI n.135 luglio 1999
ARTE IN MOSTRA novembre 1999
ARONAOGGI dicembre 1999
ARTE IN MOSTRA dicembre 1999
CORRIERE DELL’ARTE dicembre 1999
TORINO SERA dicembre 1999
IL TERRITORIO novembre 2000
L’ARCA dicembre 2000
CORRIERE DELL’ARTE 2001
IL TERRITORIO 2002
IL SANCARLONE 2002
ARONA.NET 2001 – 2002

PUNTO EFFE 2002

Aronanet
Aronanet
Redazione Arona.net
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone