22 novembre, 2019

Museo archeologico intitolato a Khaled Asaad

museo (1)

La giunta comunale ha deciso di proporre l’intitolazione del museo archeologico aronese al prof Khaled Asaad barbaramente ucciso a Palmira.

“Considerato che lo scorso 18 agosto, l’archeologo 82enne Khaled Asaad, per oltre mezzo secolo responsabile delle antichità del sito archeologico di Palmira storica città della Siria, dopo essere stato fatto prigioniero dai militanti dell’ISIS e sottoposto ad interrogatori per oltre un mese affinché rivelasse dove aveva messo al riparo importanti reperti romani dell’antica città, è stato decapitato ed appeso ad un’antica colonna nella piazza principale – si legge nella delibera di giunta – Ritenuto che Il prof. Khaled Assad, indicato come uno dei più importanti pionieri nel campo dell’archeologia in Siria del ventesimo secolo, (grazie ai risultati del proprio lavoro, fece si che l’UNESCO nel 1980 riconoscesse Palmira come Patrimonio dell’umanità,) con il proprio esempio e sacrificando la propria vita, abbia offerto al mondo intero un luminosissimo esempio di coraggio, amore per la conoscenza e per il prossimo, fedeltà alla propria missione; persona che di fronte all’insensibilità, alla barbarie e alla crudeltà ha opposto la sua enorme dignità e la convinzione che la cultura sia un’arma ben più potente rispetto a tutti gli arsenali della Terra, dimostrando un’imponente statura morale; Considerato peraltro che la vicenda del prof. Assad ha destato in tutto il mondo profondo sgomento e unanime si è levato l’appello di onorare la memoria di questo grande studioso; delibera di esprimere la piena intenzione di intitolare al Prof. Asaad Khaled, il Museo civico archeologico di Arona”.

Diletta Pirino
Diletta Pirino
“Masterchef della penna” (inteso come quella “da scrivere” ma pure quella “da mangiare”!)

I miei numeri:
- 34 anni
- 1 diploma in lingue
- 1 laurea in Linguaggi Dei Media
- 3 passioni esagerate (la cucina, la juve e la scrittura)
- 1 cervello sempre a caccia di novità
e..
- 1 bimbo meraviglioso

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone