8kx2h5ivd9mq1z6tgl4r ARONANET | CLUB HOUSE E NETIQUETTE

25 ottobre, 2021

CLUB HOUSE E NETIQUETTE

Anna Aubaldeschi

 

Habemus novum …  social !

Esclusivamente vocale Club House è il nuovo social di tendenza.

Giunto dall’America, nasce come Club, con caratteristiche un poco esclusive, eleganti e … selettive. Già! Infatti questo social è riservato unicamente ai possessori di iPhone o iPad, coloro che utilizzano Android al momento non hanno possibilità di accesso.

Inoltre si entra esclusivamente su invito: ogni nuovo membro ha cinque inviti a disposizione da inviare a chi crede fra i suoi amici e conoscenti.

Niente immagini, niente foto, quindi ben distaccato da Instagram, Facebook, Tik Tok, Snapchat e via dicendo: qui protagonisti sono voci e parole. Un luogo virtuale in cui fare due chiacchiere su argomenti di interesse.

Organizzato in room, che io amo definire salotti, entro le quali è possibile trattare, argomentare o semplicemente ascoltare, tematiche ad ampio raggio, la cui cernita dipende unicamente dai propri interessi o dall’estro del momento.

Troverete di tutto: marketing, beauty, salute, benessere, divulgazione, politica, amore, natura, ambiente e certamente (why not ???) galateo.

Un altro tassello da aggiungere quindi alle norme della netiquette!

Vogliamo analizzare insieme norme e buone maniere per fruire di questo social innovativo e che farà assai parlare di sé?

  • Accesso unicamente per invito di amico/conoscente unicamente possessore di iPhone/iPad
  • Il vostro comportamento all’interno del Club ha ripercussioni anche su colui/ei che vi ha invitato ad entrare nel Club. Attenzione: potreste essere bannati entrambi, evitate di far fare pessime figure
  • Obbligo di registrarsi con il proprio nome e cognome, non sono ammessi nickname e nomi di fantasia e la pubblicazione di una foto: l’unica immagine consentita. Il consiglio è di sceglierla accuratamente: consentirà ai fruitori di legare la vostra voce alla vostra immagine
  • Viene richiesto di compilare una bio: in un intervento in una room non ci si presenta, quindi la bio consente a chi vi sta ascoltando di avere le informazioni su chi sta parlando, relativamente alle sue esperienze, cosa fa, gli interessi, il lavoro … insomma di avere idea di chi è chi sta parlando. Nella struttura della bio le emoticon vengo utilizzate moltissimo, vedere per credere.
  • Entrando in una room i nuovi iscritti troveranno, accanto alla loro foto profilo, una emoticon rappresentante un cono festoso: servirà a far comprendere agli altri partecipanti che si è nuovi e quindi eventuali errori di gestione saranno perdonati.
  • In una room vi sono moderatori, speaker, ascoltatori. Sul palco si parla, in platea si ascolta. Per salire sul palco e da ascoltatori divenire speaker, si alza la manina posizionata in basso a destra, si attende di essere invitati a salire, si accetta di salire sul palco e si attende che il moderatore ci inviti a parlare. I moderatori sono a tutti gli effetti i padroni di casa: hanno facoltà di far intervenire, di zittire ed anche di escludere coloro che partecipano alla room.
  • Importantissimo ricordare di mutare il proprio microfono (in basso a destra) nel momento in cui si sale sul palco, onde evitare fastidiosi rumori di fondo, attivandolo solo nel momento in cui dovete intervenire e mutandolo nuovamente una volta terminato l’intervento.
  • Rispetto del topic: viene richiesto di non uscire dall’argomento principe ed è diritto/dovere del moderatore, richiamare all’ordine in caso di esca dal tema della stanza.
  • Sintesi: i concetti che desiderate esternare devono essere espressi in modo conciso, per dare modo a tutti di esprimere il loro pensiero.
  • “Non mi ricordo il nome di chi ha detto …” se avete la memoria labile, appuntatevi il nome! Non dimenticate mai che sentire pronunciare il proprio nome è un atto di cortesia e gentilezza oltre che di attenzione.
  • Se desiderate assentarvi non è richiesto salutare: se siete sul palco scendete in platea, una volta nell’audience cliccate sull’icona in basso a sinistra riportante la voce “leave quietly” L’uscita silenziosa è utile per non interrompere la conversazione.
  • Tutti possono creare una room. Nel momento in cui ne create una, esponendone il topic, sarete voi i moderatori.
  • Pingare è il termine utilizzato per la possibilità di chiamare persone all’interno di una stanza. Evitate di pingare chiunque sia on-line: se si viene pingati è poco corretto non partecipare, ma se l’argomento non è di nostro interesse o non abbiamo voglia di entrare ci si trova in situazione di imbarazzo. Magari informiamo la persona che riteniamo possa essere interessata all’argomento direttamente tramite messaggistica.
  • Il sistema di Club House notifica le stanze aperte dalle persone che seguite: il consiglio è quindi di seguire le persone che ritenete trattino argomenti a voi congeniali
  • Club House è unicamente live, non è possibile registrare e le stanze una volta chiuse vengono di default cancellate.
  • L’audio resta sempre attivo anche se vengono aperte altre applicazioni, viene invece disconnesso durante le telefonate: se avete creato una stanza è consigliabile inserire la modalità aereo del cellulare per non avere interruzioni.
  • Non utilizzate il social mentre siete alla guida, fuorché in modalità di audience. Alzare la manina, attivare e disattivare il microfono, implicano distrazione.

Ed infine: la mia fino ad oggi esperienza su Club House è stata decisamente positiva!

Ho riscontrato toni pacati, educazione ed eleganza, trovato gentleman che di buon grado lasciano la parola alle signore, tematiche interessanti e una piacevole compagnia mentre magari sbrigo faccende varie.

Ergo: pollice all’insù per Club House e benvenuto tra i social 2021!

 

 

 

 

 

 

 

Anna Ubaldeschi
Anna Ubaldeschi
Anna Ubaldeschi | Etiquette Coach
Sagittario, amante del mare, del sole e delle temperature elevate.
Adoro favole, leggende e tradizioni.
Sincera all’inverosimile, vivo in mezzo ad un bosco essendo amante della natura pur essendo nata e cresciuta in una grande metropoli come Milano.
Dopo aver insegnato per tanti anni, mi dedico a rendere reali i sogni altrui, progettando e coordinando giorni indimenticabili come nozze, battesimi ed ogni evento che si desideri festeggiare.
Vera passione per l’arte del galateo ed il bon ton, fissazione per l’apparecchiatura della tavola e delle buone maniere.
Attualmente mi occupo di corsi di formazione e workshop tematici sul galateo, collaboro come contributor su tematiche legate al galateo del matrimoni e al bon ton in generale su alcuni portali e blog oltre a curare il mio blog “ Tacco 12 … ballerine”.
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Article Tags

cvhlq10ai4xgwzyukjro